Toyota Mirai 2015.jpg

La Toyota Mirai è un'autovettura berlina, prodotta dalla casa automobilistica giapponese Toyota a partire dal 2014.

Il nome Mirai in giapponese significa futuro e si tratta della prima berlina ad idrogeno prodotta in serie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dal progetto FCHV alla Toyota FCV[modifica | modifica sorgente]

Il progetto della Mirai affonda le radici nel 1992, con il lancio del programma FCHV, un progetto che mirava a sviluppare la tecnologia FCV (Fuel Cell Veichle), per la realizzazione di un veicolo a emissioni zero. Il continuo progresso di questa tecnologia venne messo in mostra attraverso diverse concept car (EVS13, FCHV-4, FCHV-5, Daihatsu MOVE FCV-KII, FCHV-adv ed FCV-R).

Nel 2003 venne sviluppata la concept car che indirizzò il progetto verso la produzione in serie, presentata al Tokyo Motor Show come Toyota FCV. 

Le prove su strada[modifica | modifica sorgente]

Per la realizzazione di un veicolo ad idrogeno a celle a combustibile, furono necessari numerosi test molto severi per garantire la miglior sicurezza anche nelle condizioni più avverse. I primi test della vettura si svolsero in America, con un programma che prevedeva 1,000,000 miglia di percorrenza. Tra i luoghi dove si svolsero i test sono noti la Valle della Morte, in California, per testare la tecnologia ad alte temperature, la cittadina canadese Yellowknife per le temperature più rigide e le varie catene montuose del Colorado, per testare il corretto funzionamento ad altitudini elevate.

Un'altro test importante era quello da impatto, per verificare la resistenza del serbatoio in caso di incidente.

La Toyota Mirai[modifica | modifica sorgente]

Mentre lo sviluppo della tecnologia ad idrogeno a celle a combustibile proseguiva, i progettisti di Toyota svilupparono il design della FCV per una nuova vettura stradale. Il progetto venne diretto da Yoshikazu Tanaka. Il design venne mantenuto pressochè identico alla concept car, con linee ben definite e futuristiche.

La nuova vettura venne presentata nel novembre 2014, in occasione del Salone di Los Angeles.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.