Trasporti Wiki
Advertisement

La Smart Fortwo è un'autovettura city car, realizzata dalla casa automobilistica tedesca Smart a partire dal 1998.

La vettura nacque da una joint-venture tra la fabbrica svizzera di orologi Swatch e la casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz.

Storia[]

La nascita della Smart[]

Nell'estate del 1991, il patron della Swatch Nicolas Hayek ebbe l'idea di una vettura estremamente compatta, dai consumi ridottissimi, in grado di muoversi agevolmente anche nelle città più congestionate. Per portare a buon fine il progetto era necessaria la collaborazione di una casa automobilistica. Inizialmente venne contattata la Volkswagen, ma le trattative per una collaborazione non andarono a buon fine. L'accordo invece fu stretto un'anno dopo con un'altra azienda tedesca, la Mercedes-Benz. Dal gennaio 1993 la casa di Stoccarda, tradizionalmente dedita alla produzione di vetture di fascia alta, stava lavorando ad una possibile espansione verso nuovi segmenti, tanto che di lì a pochi mesi avrebbe già svelato al pubblico una concept denominata Eco Speedster, la quale prefigurava abbastanza da vicino la vettura definitiva, almeno nell'impostazione generale.

Il 4 marzo 1994, viene annunciata ufficialmente la nascita della joint-venture tra Swatch e Mercedes-Benz. Nell'aprile dello stesso anno, viene fondata la MCC, acronimo di Micro Compact Car, con sede legale a Biel, in Svizzera. Nel 1995 venne realizzata una nuova concept car, sempre denominata Eco Speedster. Dalle riviste di settore trapelarono le prime indiscrezioni sul programma di sviluppo in quel momento, che poi alla fine non avrebbero trovato un reale riscontro. Si diceva per esempio che la nuova "Swatch-car" avrebbe montato quattro motori elettrici (uno per ruota) alimentati da un pacco di batterie AEG posizionato centralmente, più o meno all'altezza dei sedili. Altre voci avrebbero trovato un'effettiva conferma anche al momento del lancio, o comunque poco tempo dopo: per esempio venne annunciato che in un secondo momento, alla versione con carrozzeria chiusa sarebbe stata affiancata anche una versione cabriolet con roll-bar; inoltre venne dichiarato che i vivaci interni colorati della concept Eco-Speedster sarebbero stati riproposti anche sulla vettura di serie. Alla fine del 1995 cominciarono i lavori per l'erezione dello stabilimento di Hambach, una città francese al confine con la Germania. Nello stesso periodo nacque il nome Smart per la nuova vettura.

Per soddisfare le sempre più crescenti esigenze relative al rispetto per l'ambiente, si decise di utilizzare, per svariate componenti della carrozzeria e degli interni, dei materiali sintetici che risultassero riciclabili una volta concluso il ciclo vitale della vettura. Ed ancora, per quanto riguarda la scocca, si decise di verniciarla utilizzando la tecnica della verniciatura a polvere, in modo da eliminare l'utilizzo di solventi, dannosi per l'ambiente. Insomma, la futura Smart fu sviluppata tenendo in considerazione il fattore dell'ecocompatibilità. Tra la fine del 1995 e l'inizio del 1996, però, la Daimler-Benz decise di imporre l'utilizzo di un motore a scoppio progettato ex-novo dalla Mercedes-Benz, scartando le proposte sui motori di tipo ibrido o elettrico. Il progetto prese la denominazione W450, secondo il criterio di codifica dei progetti proprio della Daimler-Benz.

Verso la fine del 1996 vennero resi noti i primi dettagli della Smart e le foto della preserie.

La prima serie[]

Una MCC Smart del 1998.

Al Salone di Francoforte del 1997 venne presentata la versione definitiva, ma la produzione fu posticipata di dieci mesi. Questo largo ritardo non previsto fu dovuto alla Classe A, che fece il suo debutto nello stesso anno. La nuova monovulume tedesca fu travolta da numerose polemiche, a seguito del fallimento del cosiddetto "test dell'alce". Mentre i progettisti Daimler-Benz erano a lavoro per risolvere i problemi di stabilità della Classe A, i vertici del gruppo tedesco posticiparono la produzione della Smart, per rivedere completamente la vettura, in maniera tale da scovare eventuali difetti ed imprecisioni. In effetti, all'inizio del 1998 vi fu un grosso imprevisto: durante alcuni test condotti per valutare la stabilità della vettura, si verificarono dei casi di scompensi su strada, analoghi a quelli riscontrati qualche mese prima con la Classe A. Così anche la Smart si mostrò ostile al test dell'alce, un evento che provocò imbarazzo tra i vertici di Mercedes-Benz ed MCC. Per ovviare a tale inconveniente, vennero apportate delle modifiche alle sospensioni, sia anteriori che posteriori, ed inoltre vennero allargate le carreggiate posteriori (utilizzando anche pneumatici maggiorati) e ridotte quelle anteriori. Il nuovo schema di sospensioni venne chiamato TRUST dalla MCC. Per l'occasione vennero anche migliorate le finiture interne.

Così revisionata, la Smart fu pronta al lancio vero e proprio, che avvenne nel luglio 1998. La nuova vettura ebbe un ottimo successo e fu molto apprezzata dal pubblico, tanto che si decise di ampliare la gamma con una particolare versione coupé, che fece il suo debutto nel 2000. Alla fine del 2001 venne realizzata una versione allestita dalla Brabus. Nel 2002 sparisce il marchio MCC e il nome Smart diventa il nome dell'azienda. La Smart cambia quindi denominazione in City Coupé e City Cabrio. Nello stesso anno debuttò la versione Crossblade. Con il debutto della versione 4 posti, denominata Forfour, la City cambiò nome definitivamente in Fortwo. 

La seconda serie[]

  • W451: seconda generazione della Fortwo, prodotta a partire dal 2007;
Chiave inglese.jpg Sezione da completare:
Questa sezione è incompleta. Puoi contribuire, inserendo le informazioni mancanti.

La terza serie[]

  • W453: terza generazione della Fortwo, prodotta a partire dal 2014. La sua sigla, W453, viene condivisa con la seconda generazione della Forfour, anch'essa lanciata nel 2014.
Chiave inglese.jpg Sezione da completare:
Questa sezione è incompleta. Puoi contribuire, inserendo le informazioni mancanti.

​Caratteristiche tecniche[]

Matita e righello.jpg Sezione vuota:
Questa sezione è vuota. Puoi contribuire, inserendo informazioni.
Advertisement