La SEAT Ibiza è un'autovettura berlina o familiare, prodotta dalla casa automobilistica spagnola SEAT.

È prodotta a partire dal 1984, in sostituzione della Ronda e della Fura. La prima serie è stata prodotta dal 1984 al 1993, la seconda dal 1993 al 2002, la terza dal 2002 al 2009, la quarta 2008 al 2017 e la quinta dal 2017, tutt'ora in produzione.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Una SEAT Ibiza di prima serie.

Il progetto della Ibiza fu opera di Giorgetto Giugiaro, che si basò sul design della Uno. La meccanica venne progettata sul pianale della SEAT Ronda, versione iberica della FIAT Ritmo, allo scopo di ospitare varie motorizzazioni.

La progettazione della Ibiza avvenne però in un periodo molto delicato per l'azienda spagnola. Lo sviluppo della vettura venne sospeso dopo le trattative fallite tra lo Stato Spagnolo e la FIAT, per la proroga della partecipazione al controllo della SEAT da parte della casa torinese.

Nel 1983 il Gruppo Volkswagen assunse il controllo della SEAT e, visto l'avanzato stadio di realizzazione del modello Ibiza, decise di metterla in produzione senza apportare variazioni sostanziali al corpo vettura. L'unica differenza sostanziale riguardava i propulsori, denominati "System Porsche", scelti per sottolineare il distacco dell'azienda con la FIAT.

La SEAT Ibiza Sport line.

La nuova SEAT venne lanciata al Paris Motor Show del 1984 come SEAT Ibiza Mk1 (nome in codice: 021A). La produzione iniziò il 27 aprile dello stesso anno, negli stabilimenti di Zona Franca. Dalla prima serie della Ibiza fu derivata anche una versione berlina a tre volumi, la SEAT Malaga, che sostituì la SEAT 131 nel 1985.

Nel 1990 fu apportato il primo restyling, che interessò prevalentemente il gruppi ottici, oltre a piccole modifiche interne e ai paraurti, che servirono a ingentilire il frontale dell'auto. Nel giugno 1992 iniziò la produzione della "Sport line", che rimase in produzione fino al 1993, anno in cui debuttò la seconda serie.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.