Mercedes-Benz è impegnata in Formula 1 come costruttore e come fornitore di motori. Il reparto che si occupa della progettazione e realizzazione dei propulsori Mercedes è denominato Mercedes-AMG High Performance Powertrains, che realizza le Power Unit per la Mercedes AMG F1 e per i team clienti.

L'impegno di Mercedes in Formula 1 risale al 1954 con il motore M196, realizzato per la W196. Dopo l'abbandono della serie nel 1955, Mercedes rientrò come motorista nel 1994, acquisendo progressivamente la Ilmor, fino alla completa acquisizione nel 2005, anno in cui cambiò denominazione in Mercedes-Benz High Performance Engines, per poi passare all'attuale denominazione nel 2012.

Mercedes-Benz M196[modifica | modifica sorgente]

Mercedes M196.jpg

L'M196 venne realizzato dalla Mercedes per la W196, utilizzata nelle stagioni 1954 e 1955.Le nuove regole sui motori, introdotte nel 1954, consentivano ai costruttori di scegliere un motore aspirato fino a 2,5 litri, oppure un 0,75 litri sovralimentato.

Mercedes scelse la prima soluzione, realizzando un otto cilindri in linea bialbero da 2 496 cm³ (76 mm × 68,8 mm), caratterizzato dalla distribuzione desmodromica, che consentiva di eliminare le molle di richiamo delle valvole, per poter funzionare a regimi più alti. Un'altra novità fu l'alimentazione ad iniezione diretta, che consentiva un miglior rendimento del motore. Tali soluzioni, specialmente quella relativa all'iniezione diretta, vennero sviluppate dagli ingegneri Mercedes-Benz attraverso l'esperienza acquisita sul caccia Messerschmitt Bf 109 durante la Seconda guerra mondiale. Il motore era fissato al telaio con un'inclinazione di 28° sul lato destro e venne disassato rispetto all'asse longitudinale della vettura. Tutto questo per permettere all'albero di trasmissione di poter passare a fianco del sedile del pilota, dato che il corpo vettura aveva una limitata altezza da terra (13 cm). La potenza massima raggiunta da tale propulsore era di 260 CV, ma durante l'attività sportiva della W196, protrattasi per un anno e mezzo, si arrivò anche a 295 CV ad 8 500 giri/min.

  • Configurazione: 8 cilindri ad L
  • Posizione: anteriore, montato longitudinalmente
  • Raffreddamento: a liquido
  • Alimentazione: aspirato ad iniezione diretta Bosch, con comando desmodromico
  • Distribuzione: 2 valvole per cilindro, con doppio albero a camme in testa
  • Cilindrata: 2496 cc
  • Alesaggio: 76.0 mm
  • Corsa: 68.8 mm
  • Rap. Compressione: 12.0:1
  • Potenza: 290 cavalli (varia a seconda della versione)
  • Combustibile: benzina
  • Vetture: Mercedes-Benz W196
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.