La Mazda MX-5 (Miata in America e nel Mondo tranne che in Giappone, dove è nota come Eunos Roadster e "Mazda Roadster" dalla seconda generazione in poi) è un'autovettura roadster, prodotta dalla casa automobilistica giapponese Mazda.

Nata nel 1989, è diventata la vettura più venduta della storia delle roadster; nel 2015 ha raggiunto la quarta serie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I primi prototipi risalirebbero alla fine degli anni settanta. La realizzazione del progetto iniziò circa 10 anni prima del suo lancio, con l'obiettivo di realizzare una vettura Roadster o Spyder (convertibile con due posti secchi) leggera e molto equilibrata con uno spiccato carattere da Spider all'inglese; l'ispirazione della linea venne dalle piccole spider inglesi dell'epoca come la Triumph Spitfire o ancora più la Lotus Elan. Il grande successo della MX-5 fu dato soprattutto dal fatto che nessuna casa automobilistica investì pesantemente nel settore delle roadster in quel periodo, lasciando "strada libera" alla Mazda, che riuscì approfittarne.

La prima serie della MX-5, riconoscibile dalla numerazione del telaio iniziante con NA, fu svelata al Salone di Chicago il 10 febbraio 1989 e fu messa a disposizione per la consegna agli acquirenti in tutto il mondo nelle seguenti date: marzo 1989 in Giappone, luglio 1989 (stesso modello del 1990) negli Stati Uniti e 1990 in Europa. Un hard-top opzionale è stato messo a disposizione negli stessi tempi. Il 1994 è stato l'unico anno in cui Mazda ha offerto un nuovo colore light metallic blue (Laguna Blu Mica), oltre all'introduzione del pacchetto sportivo "R".

La prima generazione di MX-5 è stata gradualmente sostituita con il modello del 1997, con l'eccezione di 400 vetture in edizione limitata, venduti solo nel Regno Unito nel 1998.

La seconda generazione della MX-5, venne progettata verso la metà degli anni novanta. Contraddistinta dalla sigla NB venne presentata nel ottobre del 1997, al Salone dell'automobile di Tokyo. La venne riprogettata sia nel design che nella meccanica. La nuova MX-5 venne disegnata da Tom Matano e fu prodotta a partire dal febbraio 1998, mentre le vendite iniziarono l'anno seguente.

Dal 2005 è in produzione la terza serie, contraddistinta dalla numerazione iniziale con NC.

La serie ND, ovvero la quarta serie, è stata presentata al Salone di Parigi nel ottobre 2014 e al Los Angeles Auto Show nel novembre 2014. Grazie ad una joint-venture con FIAT, la MX-5 di quarta generazione condivide molte caratteristiche con la Fiat 124 Spider, della quale differisce per la carrozzeria, la scelta dei motori (di origine Fiat e turbo per l'italiana) e per la taratura delle sospensioni e dello sterzo. Nel marzo 2016 la gamma viene arricchita della versione RF.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Prima serie (1989 - 1998)[modifica | modifica sorgente]

Mazda MX-5 Miata Roadster 1989 800x600.jpg

La prima MX-5 monta un motore anteriore, con trazione posteriore. Il motore è un 1,6 L da 120 CV, dotata doppio albero a camme in linea a quattro cilindri, montato longitudinalmente. Il motore impiega un sistema elettronico di iniezione del carburante che utilizza un sistema di tipo flussometro e un sensore albero a camme invece di un distributore. Questo motore (B61P), era stato precedentemente per la serie 323. Il motore è assistito da un cambio a 5 rapporti, mentre il cambio automatico (disponibile solo in Giappone e Stati Uniti) era inserito tra gli optional ma non fu molto richiesto. Questi mercati hanno avuto inoltre in optional un differenziale a slittamento limitato di tipo viscoso, anche se erano normalmente disponibili solo per le autovetture con una trasmissione manuale.

La carrozzeria della NA è in acciaio con un leggero cofano d'alluminio. Il coefficiente di resistenza aerodinamica è stato indicata come 0,38. La sospensione è a doppia forcella indipendente su tutte e quattro le ruote, con una barra antirollio, nella parte anteriore e posteriore. I freni sono a disco, ventilati nella parte anteriore, pieni al posteriore. Le ruote sono in lega con pneumatici radiali. La prima serie raggiunge 97 km/h in 9,4 secondi e ha una velocità massima di 190 km/h.

Nel 1991 è stata prodotta prodotta una versione speciale di colorazione Britisch Racing Green, la prima dotata di interni in pelle. Nel 1991 sono state prodotte 1500 MX-5 in edizione limitata. La vettura presenta diverse migliorie estetiche e comodità per gli occupanti della vettura. Tra questi troviamo: interni in pelle rossa, impianto stereo migliorato, pomello cambio Nardi, volante in pelle, cruise control, differenziale a slittamento limitato, finestrini elettrici, specchietti elettrici, servosterzo, aria condizionata, cerchi BBS, ammortizzatori Bilstein, spoiler anteriore e posteriore, ABS. Tutte le auto in versione Limited Edition sono state vendute in color nero.

Nel 1994 viene introdotto un propulsore più potente, di tipo BP-ZE da 1.8 L, assieme al doppio airbag e il differenziale autobloccante, quest'ultimo limitato ad alcuni mercati. Sono stati aggiunti anche dei rinforzi nella parte anteriore e posteriore, assieme ad una "track bar" tra le cinture di sicurezza. Inoltre viene resa disponibile una nuova vernice, di colore light metallic blue (Laguna Blu Mica), oltre al pacchetto di elaborazione "R", caratterizzato dagli ammortizzatori Bilstein.

Nel 1996, i 131 CV di potenza del motore 1,8 L vengono aumentati di 1,36 CV. Aumenta anche il peso, che sale a 990 kg. In alcuni mercati come l'Europa, il motore da 1,6 L viene mantenuto in commercio ad un costo più basso, depotenziato a 89 CV. Per la versione più potente vengono rinforzati gli attacchi del telaio. Per il Giappone e gli Stati Uniti viene aggiunto agli optional un differenziale Torsen LSD, molto più durevole rispetto al differenziale viscoso.

Negli Stati Uniti, il modello di base al momento del lancio era caratterizzato da soluzioni molto economiche, come finestrini manuali, ruote in acciaio, e senza A/C o servosterzo. Un primo pacchetto di optional venne offerto con l'adozione di servosterzo, volante in pelle, ruote in lega di alluminio e mangianastri. Un secondo pacchetto aggiungeva finestrini elettrici, controllo della velocità di crociera e altoparlanti per poggiatesta, mentre il pacchetto superiore comprendeva gli interni in pelle.

Nel Regno Unito, per celebrare la vittoria della 24 ore di Le Mans, Mazda ha creato un'edizione speciale della MX-5, con i colori della 787B, di BBR (Brodie Bretagna Racing) conversione turbo.

La MazdaSpeed ha rilasciato il Touring Kit B-Spec per incrementare le prestazioni della MX-5 prima serie. Il kit comprende un'unità BP da 1,8 litri alessata per portare la cilindrata a 1929 cm³ e una valvola a farfalla a quattro stadi. La potenza di uscita viene incrementata a 192 CV, mentre la coppia massima sale a 19,8 kgm.

Motorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Modello: Periodo Alim. Cilindrata (cm3) Potenza (Cv - kW) Coppia massima (N•m) Emissioni CO2 (g/Km) 0-100 Kmn/h (s) Velocità max (Km/h) Consumo medio (km/l)
1.6 1989-1993 Benzina 1598 115 - 85 136 n.d. 8,7 188 n.d.
1.6 1994-1998 Benzina 1598 90 - 66 132 n.d. 10,6 175 n.d.
1.8 1993-1995 Benzina 1840 128 - 95 152 n.d. 8,7 203 n.d.
1.8 1994-1998 Benzina 1840 133 - 99 155 n.d. 8,2 203 n.d.

Seconda serie (1998 - 2005)[modifica | modifica sorgente]

Una MX-5 NB (seconda generazione) del 1998.

La NB è fornita di nuovi motori più potenti, assieme ad un design degli interni rivisto, ispirato alla terza generazione della RX-7. La principale novità riguarda la parte anteriore, con i fari che diventano fissi, in quanto i fari a scomparsa della prima generazione non superarono i test di sicurezza dei pedoni. Le linee della vettura rimangono pressoché invariate, ma il coefficiente aerodinamico viene ridotto a 0.36. Rispetto alla NA, la NB è leggermente più larga. Le dimensioni sono le seguenti: lunghezza 3.945 mm, larghezza 1.678 mm, altezza 1.228 mm e interasse 2.265 mm. Il peso complessivo è di 1.000 kg a secco.

Le sospensioni sono ancora a ruote indipendenti con barre anti-rollio, mentre cerchi, ruote e freni sono stati totalmente riprogettati. Viene introdotto l'ABS come optional. I cerchi in lega misurano 360 mm o 380 mm di diametro e 150 mm di larghezza, a seconda dell'allestimento. Gli allestimenti più sportivi erano dotati di ruote più grandi e pneumatici 195/50VR15.

Nella gamma rimane il motore BP-4W da 1,8 L e 110 CV, con il rapporto di compressione del motore aumentato da 9.0:1 a 9.5:1. I pistoni sono forgiati, con il cielo del pistone leggermente a cupola. Vengono rinforzate anche altre parti, tra cui le bielle e le camme. La camera di combustione e il collettore sono stati ridisegnati e viene introdotto il sistema VICS, con aspirazione a geometria variabile. La potenza del nuovo motore è aumentata a 140 cavalli di potenza e 157 N·m di coppia.

Il motore B6 da 1.6 L è rimasto disponibile in Europa e Giappone. Il modello di base (1.8 L) è in grado di raggiungere i 70 km/h in 7,8 secondi e una velocità massima di 210 km/h.

Terza serie (2005-2015)[modifica | modifica sorgente]

Mazda MX-5 2005.png

La NC, versione più recente del modello è stata messa in vendita nella seconda metà del 2005 L'auto, a parte gli indicatori di direzione, non ha nulla in comune con i vecchi modelli. Carrozzeria e telaio sono completamente nuovi e danno origine ad un mix tra la coupé RX-8 (della quale condivide parte del telaio e delle sospensioni) e la prima serie della Mx5. Il risultato è una spider dalla linea filante e muscolosa, con molte rievocazioni della piccola antenata soprattutto nel posteriore.

Gli interni sono stati oggetto di diverse polemiche, specie nella versione Wind, cioè quella base: plastiche a profusione di qualità più scadente della seconda serie, piuttosto rigide, facilmente graffiabili e assemblate in maniera approssimativa. Nella versione Fire invece, gli inserti in pelle si limitano praticamente a delle strisce sulle portiere con una qualità davvero discutibile. Migliorie in genere sono state invece effettuate con il restyling della terza serie del 2010, soprattutto a livello di qualità delle plastiche.

Grazie all'utilizzo di materiali particolarmente leggeri l'incremento di peso rispetto alla vecchia serie è limitato a soli 50 kg, il che fa restare anche la Mx5 3Rd Generation nella categoria delle Light Weight Spider.

Nel nuovo modello sono state abbandonate le vecchie motorizzazioni per lasciare spazio a 2 propulsori di concezione più recente: un 1,8L da 126 CV e un 2.0L da 160 CV.

Alla fine del 2006 alla versione con capote in tela è stata affiancata la Mx5 RC (Roadster coupé) dotata di tetto rigido in vetroresina che in soli 12" scompare nello stesso vano occupato abitualmente dalla capotte in tela.

Ne sono state prodotte oltre 700.000 al 2005, oltre 900.000 al 2011.

Quarta serie (2015-oggi)[modifica | modifica sorgente]

La serie ND viene assemblata nello stabilimento Mazda di Hiroshima. Rispetto alla serie precedente, è più corta di 105 mm. Il design, completamente rivisto, riprende lo stile delle contemporanee Mazda, definito dalla casa nipponica Kodo Design. Pesa circa 100 kg in meno, grazie all'utilizzo di materiali compositi con un peso a vuoto stimato della vettura intorno ai 1.000 kg. Il motore è di tipo SkyActiv-G, disponibile in due versioni, da 1,5 e 2 litri, ad iniezione diretta. Il cambio è a sei rapporti, manuale o automatico. La versione base ha un motore 1,5 litri con 96 kW (129 CV) di potenza, e la versione più potente dispone di un motore 2.0 litri da 116 kW (155 CV).

L'abitacolo, il volante e il sistema di infotainment sono stati progettati in maniera simile alla Mazda 3 di terza serie. Il reparto telaistico è ulteriormente migliorato. Anteriormente viene utilizzata una sospensione a doppi quadrilateri con bracci in lega leggera per contenere il peso, mentre al posteriore è presente una sospensione multilink a 5 bracci. I modelli standard sono dotati di un tetto in tessuto ad azionamento manuale che può essere aperto e chiuso nel giro di pochi secondi.

La versione RF (Retractable Fastback), introdotta nel 2016, è una versione targa con tetto rigido in metallo parzialmente ripiegabile.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.