Lancia Stratos HF.jpeg

La Lancia Stratos HF è un'automobile di tipo coupè, prodotta da Lancia tra il 1973 e il 1975.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Stratos HF stradale ebbe origine dalla Stratos Zero, presentata inizialmente come "Prototipo Zero" al Salone dell'automobile di Torino del 1970. Progettata dalla carrozzeria Bertone, fu presentata come progetto di autovettura sportiva a motore centrale (il motore era stato recuperato da una Lancia Fulvia in una demolizione), di concezione avveniristica per quei tempi. Il design fu curato da Marcello Gandini (autore della Fiat X1/9 e della Lamborghini Countach) e suscitò subito grande interesse da parte dei vertici della squadra corse della Lancia, guidata da Cesare Fiorio. La squadra torinese necessitava di una sostituta della Lancia Fulvia nei rally. Per tale ragione, iniziò la progettazione della Stratos HF (High Fidelity), per consentire l'omologazione della Lancia Stratos HF da rally nel Gruppo 4 FIA.

Il regolamento del Gruppo 4 prevedeva che le vetture dovevano essere derivate dalla serie, perciò la Stratos partecipò al Gruppo 5, in attesa dell'omologazione.

La produzione avvenne nello stabilimento Bertone di Grugliasco e raggiunse, ufficialmente, i 515 esemplari (15 in più rispetto al requisito) il 23 luglio 1974. 

La Stratos corse fino al 1982, anno di scadenza dell'omologazione, vincendo il titolo costruttori nel 1973, 1974 e 1975. Nel 1983 ne furono prodotti altri due esemplari allestiti per gareggiare come Gruppo 5 Turbo. Uno dei due fu completamente distrutto in un incendio in pista a Zeltweg, l'altro vinse il Giro Automobilistico d'Italia nel 1976, prima di essere spedita in Giappone per partecipare ad un campionato per vetture Silhouette al quale non prese mai parte. Di qui entrò a far parte della collezione Matsuda. Attualmente fa parte della collezione di Chris Hrabalek, il più grande collezionista di Stratos nel mondo.

Il 22 dicembre del 2008 muore Pierugo Gobbato, uno degli ideatori della Stratos e direttore della collaborazione fra Bertone e Lancia. Era figlio dell'Ingegnere Ugo Gobbato (1888-1945), che diresse l'Alfa Romeo impedendo ai nazisti di trasferire la casa automobilistica e i suoi materiali in Germania.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Il motore e la trasmissione della Stratos sono gli stessi della Ferrari Dino 246. Il motore, montato centralmente nel posteriore, è un 6 cilindri a V con bancate inclinate di 65 gradi, con cilindrata di 2418 centimetri cubi e potenza di 192 cavalli. Il telaio è monoscocca centrale in acciaio, con una linea molto originale.

Scheda tecnica:[modifica | modifica sorgente]

  • Motore: Posteriore-centrale trasversale (Modello 829A.000)
  • Cilindri: 6 cilindri a V - bancate inclinate di 65°
  • Cilindrata: 2418 cm3
  • Alesaggio x corsa: 92,5 mm x 60 mm
  • Rapporto di compressione: 9:1
  • Potenza: 192 CV a 7000 giri/min.
  • Coppia massima: 23,2 kgm 4000 giri/min.
  • Distribuzione: 2 valvole per cilindro, 2 alberi a camme in testa
  • Alimentazione: Tre carburatori doppio corpo invertiti Weber 40 DCF
  • Trazione: Posteriore
  • Cambio: Meccanico a 5 rapporti + RM Differenziale Autobloccante ZF
  • Frizione: Monodisco a secco
  • Freni: 4 freni a disco autoventilanti impianto ATE
  • Sospensioni anteriori: A ruote indipendenti, bracci oscillanti trasversali, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici, barra stabilizzatrice trasversale
  • Sospensioni posteriori: Schema McPherson, montanti telescopici, molle elicoidali ed ammortizzatori idraulici.
  • Accensione: Magneti Marelli AEC 103 A
  • Telaio: Coupé 2 posti, scocca portante in lamiera d'acciaio con traliccio a sezione rettangolare e Roll-bar Integrato. Carrozzeria in fibra di vetro
  • Passo: 2180 mm
  • Lunghezza: 3710 mm
  • Larghezza: 1750 mm
  • Altezza: 1140 mm
  • Carreggiata anteriore: 1430 mm
  • Carreggiata posteriore: 1460 mm
  • Cerchi: Anteriori e Posteriori 9 x 14
  • Ruote: Pirelli Anteriori e Posteriori 205/70 - 14
  • Peso a vuoto: 980 Kg.
  • Velocità massima: 230 Km/h
  • Capacità serbatoio: Doppio serbatoio da 80 l
  • Consumo medio: 15-17 litri/100 Km
  • Prezzo iniziale: Lire 8.469.000 (aprile 1974)

Competizioni[modifica | modifica sorgente]

Lancia Stratos Spaccato.jpg

La Lancia Stratos è stata impiegata per numerosi anni nelle gare su sterrato. Nel Campionato del mondo Rally vanta tre titoli mondiali costruttori, ed è la seconda vettura più vincente dietro alla Lancia Delta e a pari merito con la Subaru Impreza, la Peugeot 206 e la Citroën C4.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.