La Ford Ka è un'autovettura utilitaria di Segmento A, prodotta dalla casa automobilistica statunitense Ford per il mercato europeo, a partire dal 1996.

Dal 2015 è in produzione la terza serie, con la nuova denominazione Ka+.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Una Ka di prima serie.

La Ford Ka fece il suo debutto al Salone di Parigi 1996. Progettata da Kevin O'Neill, la nuova city car venne sviluppata sulla piattaforma della Ford Fiesta terza serie, poiché la quarta serie di quest'ultima possedeva un pianale non adeguato ad una city car.

Le vendite inizarono l'11 settembre del 1996 (in Italia il 9 novembre). Ford decise inoltre di costruire la Ka nello stesso stabilimento di Valencia, risparmiando sui costi di gestione. Quando la Ka venne introdotta sul mercato, destò pareri differenti fra il pubblico a causa del nuovo New Edge design, creato da Jack Telnack, oltre a molti dettagli estetici ripresi dalla concept car Ghia Saetta disegnata da Filippo Sapino.

In seguito al successo europeo, la Ka venne prodotta dal 1997 anche in Brasile per il mercato sudamericano, presentando piccole modifiche. La produzione di questa versione cessò nel 2008.

La seconda serie venne presentata al Salone di Parigi del 2008, presentata in 4 versioni: la prima normale, la seconda denominata Tatoo con una sorta di tatuaggio aerografato, la terza Digital Art con strisce GT e presa d'aria anteriore colorata, mentre la quarta denominata Grand Prix (di colore rosso con inserti bianchi). La nuova vettura condivideva lo stesso pianale della Fiat 500, lanciata l'anno precedente. L'assemblaggio avvenne nello stabilimento Fiat di Tychy, in Polonia.

Inoltre la nuova Ka fu sottoposta ai crash test EuroNCAP, ottenendo la valutazione di 4 stelle.

La seconda serie debuttò su schermo nel film di James Bond Quantum of Solace, similmente a quanto accadde per la Ford Mondeo terza serie con il film Casino Royale.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Prima generazione (1996-2008)[modifica | modifica sorgente]

Gli interni della Ka prima serie.

La Ka prima serie, come le sue sorelle Fiesta e Puma, aveva un settaggio (realizzato sotto la supervisione di Richard Parry-Jones) delle sospensioni e dello sterzo che permetteva di raggiungere livelli alti di grip stradale, rendendola una delle migliori tra le vetture di segmento A, in termini di guidabilità.

Al lancio era disponibile una sola versione, che aveva come optional: climatizzatore, servosterzo, sedili regolabili in altezza, poggiatesta posteriori, airbag per il passeggero, vetri elettrici anteriori e chiusura centralizzata. A questi, venne aggiunto l'ABS nel gennaio 1997.

Inizialmente la Ka era equipaggiata da un motore a benzina Endura-e da 1.297 cm³ (OHV), quattro cilindri in linea da 60 CV (45 kW), in grado di fornire una coppia di 100 N·m a 3.000 giri/min. Nel 2001 l'Endura venne sostituito dal Duratec, che migliorò le prestazioni e i consumi. Assieme alla sostituzione del motore, venne anche aggiornato il quadro strumenti con un contagiri (assente con la vecchia motorizzazione) ed un tachimetro digitale, capace di rilevare velocità inferiori ai 20 km/h.

Tutti i modelli erano realizzati con dei grossi paraurti in plastica grigia, poiché questo materiale abbassava i costi di ricambio, nel caso di possibili danni dovuti all'uso cittadino. Perciò venne impiegato uno stabilizzatore chimico per evitare lo scolorimento dovuto ai raggi UV del sole. Dopo continue richieste da parte degli acquirenti, nel 1999, la Ford ha introdotto i paraurti in tinta con la carrozzeria. Per quanto riguarda la sicurezza, la Ka ottenne il risultato di 3 stelle nella protezione degli adulti nei crash test EuroNCAP.

La versione sudamericana, introdotta nel 1997, ha una lughezza maggiore (3.835 mm) e presenta leggere modifiche alla fanaleria anteriore e posteriore. I motori (sempre quattro cilindri benzina) erano disponibili in due versioni: la prima da 1.0 cm³ e 64 cavalli e la seconda da 1.6 cm³ e 94 cavalli.

Motorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Motore Configurazione Cilindrata (cm3) Potenza Coppia massima (N·m) 0-100 km/h (s) Velocità massima (km/h) Consumo medio (km/l)
1.3 Endura-e 4 cilindri in linea 1.297 45 KW (60 CV) @5.350 giri/min 100 @3.000 giri/min 14,8 155 16.9
1.3 Duratec 4 cilindri in linea 1.297 51 KW (69 CV) @5.550 giri/min 106 @3.000 giri/min 13,7 167 15.8
1.6 Duratec 4 cilindri in linea 1.597 70 KW (95 CV) @5.550 giri/min 135 @4.250 giri/min 9,7 174 13.1

Seconda generazione (2008-2016)[modifica | modifica sorgente]

La Ka di seconda generazione.

La seconda serie è costruita sulla medesima base della Fiat 500. Dispone di motori benzina 1.2 Fire da 69 cavalli (rimarchiati Duratec) e il diesel 1.3 Multijet da 75 cavalli con filtro attivo antiparticolato (rimarchiato Duratorq TDCI).

Il design è stato totalmente rivisto, seguendo la filosofia del Kinetic Design, corso stilistico inaugurato da Ford con la S-Max e trasportato successivamente su tutta la gamma. Furono introdotte nuove soluzioni tecnologiche come porte USB, impianto Hi-Fi con sei altoparlanti, comandi al volante e sedili riscaldabili. La nuova Ka venne declinata in due allestimenti, disponibili per entrambe le motorizzazioni: Plus e Titanium, la più accessoriata. La Ka di seconda generazione era disponibile in 4 versioni: la prima normale, la seconda denominata Tatoo con una sorta di tatuaggio aerografato, la terza Digital Art con strisce GT e presa d'aria anteriore colorata, mentre la quarta denominata Grand Prix (di colore rosso con inserti bianchi).

Rispetto alla 500, venne rimaneggiata la geometria dello sterzo e venne aggiunta una barra stabilizzatrice posteriore per migliorare l'agilità della vettura. La nuova Ka possiede uno sterzo elettro-idraulico, più leggero ed efficiente del predecessore.

Sotto l'aspetto della sicurezza, la seconda serie ottenne 4 stelle EuroNCAP con airbag frontali, ABS, immobilizzatore, luci di emergenza lampeggianti automaticamente in caso di frenata improvvisa e doppia chiusura centralizzata. Come optional, erano disponibili gli airbag frontali e laterali a tendina, l'ESP (di serie a partire dal 2010), HBA (Hydraulic Breaking Assist) e HLA (Hill Launch Assist).

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.