Fiat 126.jpg

La FIAT 126 è un'autovettura berlina, prodotta dalla casa automobilistica italiana Fiat dal 1972 al 2000. La commercializzazione in Europa Occidentale terminò nel 1991, proseguendo la vendita sul mercato polacco, paese in cui la vettura veniva prodotta dal 1975. Fu l'ultima auto con motore posteriore prodotta dalla casa torinese.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La realizzazione della 126 iniziò nel 1968. Progettata dal designer italiano Sergio Sartorelli (ispiratosi alla Concept car Fiat City Taxi di Pio Manzù), questa vettura venne presentata al Salone dell'automobile di Torino del 1972. Nello stesso anno, iniziò la produzione, che sostituì la 500.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

La 126 eredita lo schema meccanico della Nuova 500. La novità tecnica più importante è nell'intero corpo della scocca, progettata per favorire la migliore sicurezza ai clienti, osservando dei nuovi principi sulle "resistenze differenziate". Il serbatoio del carburante viene spostato dal vano bagagli anteriore alla parte posteriore della vettura, sotto il sedile posteriore. Il cambio è a 4 marce sincronizzato (tranne la prima). A partire dal 1978 e solo per alcuni anni è stato anche adottato lo sterzo a cremagliera, in sostituzione del classico sistema a vite e settore elicoidale presente sulla 500.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.