Ducati Diavel
Diavel Carbon.png
Produttore: Ducati
Periodo di produzione: In produzione dal 2011
Progettista: Andrea Forni
Tipologia: Stradale
Presentazione: EICMA 2010
Cilindrata: 1.198 cm3
Potenza: 162 cavalli

La Ducati Diavel è una motocicletta prodotta dalla Ducati a partire dal 2011.

La Diavel è stata presentata al pubblico nel novembre del 2010, al Salone di Milano.

Le versioni attualmente in produzione sono 3: Diavel, Diavel Carbon, XDiavel e XDiavel S.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Diavel è stato realizzato dall'ingegner Andrea Forni, Direttore Tecnico Ducati. Pochi mesi prima del suo ingresso in produzione, la Diavel è stata presentata al pubblico al Salone di Milano EICMA, nel novembre del 2010. Nel gennaio del 2011 è iniziata la produzione della prima serie. Alla versione base si sono aggiunte in listino la Diavel Carbon nello stesso anno, la Diavel AMG, la Diavel Strada e la Diavel Dark nel 2012.

Nel 2014 è entrata in produzione la seconda serie, con alcune migliorie tecniche e stilistiche; in listino erano disponibili la Diavel versione base e la Diavel Carbon, a cui si è aggiunta la Diavel Titanium nel 2015.

Il 2016 segna la nascita della XDiavel e la XDIavel S, mentre restano in commercio la Diavel e la Diavel Carbon.

Versione: '11 '12 '13 '14 '15 '16
Diavel Prima Serie Seconda Serie
Diavel Strada /
Diavel Carbon Prima Serie Seconda Serie
Diavel AMG /
Diavel Dark /
Diavel Titanium /
XDiavel
XDiavel S

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Si può considerare la seconda moto della casa motociclistica bolognese di questo tipo dopo la serie Indiana, prodotta tra il 1986 e il 1990, per quanto con caratteristiche molto diverse.

Diavel[modifica | modifica sorgente]

La Diavel del 2012

Priva di protezioni aerodinamiche al di là di un piccolo cupolino come le classiche naked, è equipaggiata con un Testastretta 11° DS da 1.198,4 cm³, che eroga una potenza di 162 CV (119 kW) a 9500 giri al minuto e dispone di una coppia di 13 kgm (127,5 N m) disponibile a 8.000 giri. L'impianto di alimentazione è a iniezione elettronica e il comando del gas è ride by wire, cioè sprovvisto del classico cavo e comandato elettronicamente; il cambio dispone di 6 rapporti.

Il telaio è il classico traliccio di tubi con il propulsore in funzione portante agganciato nella parte inferiore; l'impianto delle sospensioni prevede una forcella anteriore con steli rovesciati dal diametro di 50 mm di produzione Marzocchi mentre al posteriore è disponibile un monoammortizzatore Sachs.

L'impianto frenate dispone di serie dell'ABS ed è composto da tre freni a disco della Brembo: i due anteriori da 320 mm di diametro, il singolo posteriore da 265 mm. Tra le particolarità dichiarate quella di avere uno pneumatico posteriore particolarmente largo, da 240/45 ZR17, preparato appositamente dalla Pirelli.

Tra le caratteristiche maggiormente evidenziate sin dalla sua presentazione, vi è la parte elettronica che comprende la possibilità di gestione della potenza con tre mappature diverse a seconda dell'uso e delle esigenze, nonché l'assenza della classica chiave di avviamento, sostituita da un sensore che riconosce la prossimità del proprietario.

Diavel Carbon[modifica | modifica sorgente]

La Diavel Carbon, come suggerisce il nome, presenta molte parti in fibra di carbonio, che vanno ad alleggerire il peso complessivo.

Scheda tecnica:[modifica | modifica sorgente]

Motore:
Tipo: Testastretta 11°, bicilindrico a L, distribuzione Desmodromica 4 valvole per cilindro, raffreddamento a liquido
Cilindrata: 1198,4 cc
Alesaggio x corsa: 106 x 67,9 mm
Compressione: 12.5:1
Potenza: 119 kW (162 CV) @ 9.250 giri/min
Coppia: 130,5 Nm (13,3 kgm) @ 8.000 giri/min
Alimentazione: Iniezione elettronica, corpi farfallati ellittici con sistema ride-by-wire
Scarico: Silenziatore in acciaio inossidabile, fondelli in alluminio; catalizzatore e 2 sonde lambda
Trasmissione:
Cambio: 6 marce
Trasmissione primaria: Ingranaggi a denti dritti, Rapporto 1,84:1
Rapporti:
  1. 37/15
  2. 30/17
  3. 27/20
  4. 24/22
  5. 23/24
  6. 22/25
Trasmissione secondaria: Catena; pignone 15, corona 43
Frizione: Multidisco in bagno d'olio con comando idraulico, sistema di asservimento ed antisaltellamento
Veicolo:
Telaio: Traliccio in tubi di acciaio
Sospensione anteriore: Forcella Marzocchi a steli rovesciati da 50 mm completamente regolabile con riporto DLC sugli steli
Ruota anteriore: Lega leggera, 14 razze con lavorazioni a vista, 3,50 x 17
Pneumatico anteriore: 120/70 ZR 17 Pirelli Diablo Rosso II
Sospensione posteriore: Progressiva con monoammortizzatore completamente regolabile. Regolazione remota del precarico molla. Forcellone monobraccio in alluminio
Ruota posteriore: Lega leggera, 14 razze con lavorazioni a vista, 8,00 x 17
Pneumatico posteriore: 240/45 ZR17 Pirelli Diablo Rosso II
Escursione ruota anteriore: 120 mm
Escursione ruota posteriore: 120 mm
Freno anteriore: 2 dischi semiflottanti da 320 mm, pinze Brembo monoblocco ad attacco radiale a 4 pistoncini , ABS di serie
Freno posteriore: Disco da 265 mm, pinza flottante a 2 pistoncini ABS di serie
Cruscotto: Cruscotto sul manubrio con display LCD: velocità, contagiri, orologio, temperatura acqua. Spie di segnalazione: Folle, frecce, proiettore abbagliante, limitatore, DTC, ABS, pressione olio, riserva carburante. Cruscotto sul serbatoio con dispaly a colori TFT: indicatore marcia inserita, temperatura aria, voltaggio batteria, contachilometri trip 1 e 2, km percorsi in riserva, consumo istantaneo e consumo medio, velocità media, durata viaggio, indicatore manutenzione preventiva. Indicatore e pannello di controllo Riding Modes, DTC, RbW e ABS.
Dimensioni e pesi:
Peso a secco: 210 kg
Peso in ordine di marcia: 239kg
Altezza sella: 770 mm
Interasse: 1590 mm
Inclinazione cannotto: 28°
Avancorsa 130mm
Capacità serbatoio carburante: 17 l
Numero dei posti: Biposto
Equipaggiamento di serie: Riding Modes, Power Modes, Ducati Safety Pack (ABS + DTC), RbW, Hands-Free, Proiettore full-led, Indicatori di direzione anteriori con guidaluce, Sonda livello carburante.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Modelli 2011[modifica | modifica sorgente]


Modelli 2012[modifica | modifica sorgente]


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.