Cinture di sicurezza con arrotolatore.jpg

La cintura di sicurezza è un dispositivo di sicurezza passiva, che permette agli occupanti di limitare i movimenti dovuti alla forza d'impatto.

Questo sistema ha ridotto notevolmente il tasso di incidenti mortali. In Italia, come nella maggior parte degli altri paesi, la cintura di sicurezza è uno degli elementi necessari per ottenere l'omologazione su strada e il suo utilizzo è obbligatorio.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Composizione[modifica | modifica sorgente]

Le cinture di sicurezza, a norma di legge, sono costituite da:

  • cinghie: elementi flessibili destinati a trattenere il corpo degli occupanti. Sono costituite da una trama di fili di polimerici intrecciati e con i bordi spesso risvoltati in modo da non graffiare il collo dell'utente;
  • riavvolgitore: organo che consente di srotolare la cinghia per la lunghezza voluta bloccandola in caso di estrazione rapida (come per esempio accelerazione, frenata, urto, curva, ecc.);
  • regolatore: accessorio delle cinture che ne consente la regolazione in altezza;
  • ancoraggi: punti di attacco sulla struttura del veicolo, ai quali vengono fissate le cinture;
  • anello oscillante: strumento che consente di fissare la cintura che vi passa dentro l'ancoraggio. È generalmente costituito di acciaio con una copertura in plastica costampata e la sua deformazione plastica durante l'urto dissipa una piccola parte dell'energia;
  • linguetta di chiusura: semplice strumento che serve a facilitarne il fissaggio;
  • fibbia di chiusura con pulsante di sganciamento o "ramo fibbia": dispositivo di allacciamento e slacciamento rapido (in realtà unico) che lega le cinture al punto di ancoraggio del veicolo.
  • pretensionatore: è un dispositivo generalmente pirotecnico che, facendo esplodere una piccola carica pirotecnica in caso di urto, spinge un pistoncino che riavvolge la cintura (se applicato all'arrotolatore) o tira la fibbia (se applicato al ramo fibbia). Una volta entrato in funzione il pretensionatore, questo non è più riparabile e dev'essere sostituito. Non si attiva se la cintura non è srotolata. Serve a bloccare il corpo dell'occupante sul sedile in posizione corretta. È importante recuperare gli errori di posizione dell'occupante (out of position). La forza applicata sulla cintura dal pretensionatore è chiamata slack. Da poco è stato introdotto il pretensionatore elettrico, cioè un motore elettrico che avvolge la cintura dalla parte dell'arrotolatore. Serve per poter recuperare l'out of position in maniera reversibile: la cintura viene tirata solo durante l'urto e poi viene rilasciata. Al prossimo urto può essere riutilizzato senza doverlo sostituire.

Tutte le cinture di sicurezza devono essere di tipo approvato e avere il marchio di omologazione secondo le normative stabilite dal Ministero dei Trasporti.

Tipologie[modifica | modifica sorgente]

Le cinture di sicurezza si contraddistinguono in base ai punti di ancoraggio:

  • a due punti subaddominale: fascia solo il bacino ed è dotata di due punti di ancoraggio. Viene utilizzata solitamente sul posto centrale posteriore;
  • a due punti diagonale: le cinture diagonali fasciano obliquamente il torace e sono dotate di due punti di ancoraggio. Possono essere utilizzate anche sui posti posteriori laterali;
  • a tre punti: è la tipologia più diffusa nelle automobili, inventate nel 1959 dal tecnico Volvo Nils Bohlin. Sono costituite da una cintura subaddominale e da una diagonale (utilizzata oggi sia sui posti anteriori che su quelli posteriori);
  • a bretella: costituita da una cintura subaddominale e da due bretelle. Le cinture a bretella vengono utilizzate su autoveicoli da competizioni (per esempio vetture rally e auto da Formula 1) e per trasporto specifico di persone in determinate condizioni fisiche.

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Come detto in precedenza, la cintura di sicurezza ha il compito di limitare il movimento dell'occupante dovuto alla forza d'impatto. L'utilizzo è molto semplice: si fa scorrere la cinghia verso la fibbia di chiusura, a cui si aggancia l'ancoraggio. Lo sgancio nella maggior parte dei veicoli stradali è effettuato premendo il pulsante di sganciamento, generalmente di colore rosso. È importante che la cinghia passi circa a metà tra l'estremità della spalla e il collo. Il pretensionatore ha un ruolo fondamentale nella limitazione dei danni dovuti al contraccolpo, in quanto limita l'avanzamento del corpo in avanti durante l'impatto. La cintura di sicurezza, assieme all'attivazione degli airbag e ad una corretta regolazione del poggiatesta può essere fondamentale a limitare i danni da impatto dell'occupante. Nelle vetture dotate di poggiatesta attivi, il sensore del pretensionatore sposta il poggiatesta in avanti, in modo da limitare lo spazio che la testa impiega per tornare indietro a seguito del contraccolpo.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.