La Benetton B186 di Gerhard Berger

La Benetton B186 è stata una monoposto di Formula 1, sviluppata dal team Benetton Formula, per partecipare al campionato mondiale di Formula 1 1986.

È stata la prima vettura realizzata dalla casa italo-britannica dopo l'acquisto del team Toleman nell'ottobre 1985. L'auto si dimostrò competitiva conquistando due pole position, 3 giri veloci e la vittoria al Gran Premio del Messico con Gerhard Berger. Concluse il campionato con il sesto posto nel mondiale costruttori.

Nel 1987 è stata sostituita dalla Benetton B187.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1985 la scuderia inglese Toleman, dovette far fronte a diverse problematiche relative ai fornitori di motori e pneumatici. L'abbandono della Michelin dalla Formula 1 e la trattativa fallita per la fornitura dei motori Renault, costrinsero la scuderia a gareggiare con i materiali della stagione precedente. Nonostante le prestazioni fossero buone, la TG185 era soggetta a frequenti rotture. La situazione critica portò Ted Toleman a vendere la propria scuderia e nel maggio del 1985 si aprì il tavolo delle trattative con Luciano Benetton. Benetton riuscì ad ottenere la fornitura delle gomme Pirelli dalla Spirit, ritiratasi dopo tre gare a causa di una crisi finanziaria. La Toleman riuscì quindi a terminare la stagione, senza però ottenere alcun punto.

In agosto, fu definitivamente formalizzata la cessione e l'annuncio che dal 1986 il team si sarebbe chiamato Benetton Formula. La scuderia del gruppo veneto mantenne le strutture di Enstone e il personale, correndo quindi con la licenza britannica. Rory Byrne fu quindi a capo del progetto della prima vettura. Byrne realizzò la B186 ispirandosi alla precedente TG185. La scuderia inglese ottenne la fornitura di motori BMW. Alla guida fu confermato il pilota italiano Teo Fabi, affiancato dal giovane austriaco Gerhard Berger, proveniente dalla Arrows.

Il debutto avvenne al Gran Premio del Brasile, dove Berger si piazzò al sesto posto e Fabi ottenne la decima posizione. L'austriaco ottenne dunque il primo punto nella storia del team. Al Gran Premio di Spagna il team incassa altri tre punti con un quinto posto di Fabi e un sesto posto di Berger. Nel GP successivo, a Imola, Berger conquista il terzo posto, portando la Benetton sul podio per la prima volta; Fabi invece fu costretto al ritiro a causa della rottura del motore, la prima di una lunga serie. Nelle gare successive infatti la squadra ottene un doppio ritiro in tutte le gare, eccezzion fatta per la quarta prova in Belgio (Fabi 7° e Berger 10°) e in Germania (Berger 10°), senza però alcun risultato rilevante.

Nel finale di stagione Fabi conquista due pole position, la prima in Austria e la seconda in Italia, ma in entrambe le occasioni il motore BMW non riesce a completare la percorrenza di gara. La stagione termina con gli stessi problemi, anche se Berger riesce a conquistare la prima vittoria in Messico.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Matita e righello.jpg Sezione vuota:
Questa sezione è vuota. Puoi contribuire, inserendo informazioni.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Anno Pilota Bandiera Brasile.png Bandiera Spagna.jpg Bandiera San Marino.png Bandiera Monaco.png Bandiera Belgio.png Bandiera Canada.png Bandiera Stati Uniti d'America.png Bandiera Francia.png Bandiera Regno Unito.png Bandiera Germania.png Bandiera Ungheria.png Bandiera Austria.png Bandiera Italia.png Bandiera Portogallo.png Bandiera Messico.png
Bandiera Australia.png
Pos. Punti
1986 Fabi 10 5 Rit Rit 7 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 8 Rit 10 19
Berger 6 6 3 Rit 10 Rit Rit Rit Rit 10 Rit 7 5 Rit 1 Rit
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.