L'Aston Martin DB9.

L'Aston Martin DB9 è un'automobile coupé o cabriolet, prodotta dalla casa automobilistica britannica Aston Martin.

Nacque nel 2004 in sostituzione della DB7 ed è stata sostituita nel 2016 dalla DB11.

Storia:[modifica | modifica sorgente]

Gli interni della DB9 Volante

La DB9 è stata disegnata da Henrik Fisker, ispratosi alla precedente DB7. Presentata al Salone di Francoforte 2003, continua la serie DB, dedicata a David Brown, lo storico proprietario della casa britannica. La scelta di saltare il numero 8 nella numerazione della serie è dovuta al fatto che si temeva un errata associazione con il motore V8 (la DB9 monta un V12), oltre ad indicare una rottura con la filosofia di progettazioni rispetto alle vetture precedenti.

Con la DB9 Aston Martin si pose l'obbiettivo di aumentare il volume di produzione, programmato all'esordio tra le 1,400 e 1,500 DB9 da produrre annualmente. A tale scopo venne realizzato il nuovo stabilimento di Warwickshire, in Inghilterra, inaugurato proprio con il lancio della DB9.

Nel luglio del 2008, la vettura ha subito un restyling, accompagnato dal nuovo motore, più potente. Dopo un solo anno di produzione, nel 2012 esce di scena la Virage, dopo che la DB9 fu riprogettata nel design esterno, poiché la Virage era troppo simile esteticamente alla DB9, creando molta confusione tra gli acquirenti.

A fine 2016 la DB9 è uscita di produzione, per lasciare il posto alla DB11.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

La DB9 è prodotta in versione coupé o cabriolet, entrambe due porte con abitacolo in configurazione 2+2. La versione cabriolet, denominata DB9 Volante, è dotata di tetto in tela ripiegabile. La carrozzeria è realizzata in alluminio. È caratterizzata da un cofano lungo, da un parabrezza inclinato e da una coda affusolata.

Su entrambe le versioni sono presenti di serie: ABS, airbag (guida, laterali, passeggero), chiusura centralizzata, controllo elettronico trazione, immobilizzatore, indicatore temperatura esterna, pretensinatore cinture, retrovisori elettrici termici e ripiegabili elettronicamente, sedili guida regolabili in altezza e elettricamente, servosterzo, trasponder, vetri elettrici anteriori, volante regolabile, autoradio, cerchi in lega, climatizzatore, controllo elettronico stabilità, fari allo xeno, interni di materiale pregiato, navigatore satellitare, sensori di parcheggio posteriori. Sulla coupé sono disponibili anche gli airbag testa, mentre era disponibile a pagamento l'antifurto.

Il motore installato sulla DB9 è a ciclo Otto, un 12 cilindri a V da 5935 cm3 di cilindrata, con una potenza di 455 cavalli a 6000 giri al minuto e una coppia motrice massima di 570 Nm a 5000 giri/min. Il propulsore, collocato sul telaio in posizione anteriore longitudinale, derivato dalla Vanquish. Rispetto a quest'ultima, il motore è stato depotenziato e alleggerito di 11 kg, per rendere la DB9 commercialmente differente dalla vettura di punta anche in termini di prestazioni.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.