ALFA 24 HP.jpg

L'ALFA 24 HP è un'autovettura torpedo e limousine, realizzata dalla casa automobilistica italiana ALFA (in seguito divenuta Alfa Romeo), prodotta dal 1910 al 1913.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il 24 giugno 1910 un gruppo di imprenditori lombardi fondarono l'A.L.F.A., acronimo di "Anonima Lombarda Fabbrica Automobili", sulle ceneri della Società Italiana Automobili Darracq.

Il mercato automobilistico italiano era nei primi anni di attività e le strade erano piuttosto sconnesse e ricche di saliscendi, fattore che rese difficile la produzione delle vetture italo-francesi, caratterizzate da motori poco potenti e da un impianto frenante scarsamente efficace, e quindi percorrevano con difficoltà le carreggiate italiane dell'epoca. Per produrre la prima autovettura, la nuova azienda lombarda dovette tener conto delle debolezze riscontrate nella vecchia Società Italiana Automobili Darracq. Il progetto venne quindi affidato a Giuseppe Merosi, che aveva già acquisito esperienze nel settore automobilistico italiano.

Nel 1910 fu completato il progetto della prima vettura a marchio ALFA. Lo Stabilimento del Portello cessò quindi la produzione delle vecchie Darraq, rimaste ancora in costruzione per smaltire le giacenze di parti già approntate, mettendo in vendita la nuova vettura, denominata 24 HP.

La nuova auto fu prodotta con "telaio nudo" (ovvero senza carrozzeria), una pratica molto diffusa in quell'epoca. Il cliente poteva quindi personalizzare la carrozzeria in base ai propri gusti e alle proprie esigenze, rivolgendosi ad un carrozziere. Tra le tipologie più diffuse troviamo la "Limousine" a sette posti e la più diffusa versione "Torpedo". Vennero anche realizzati diversi allestimenti a due posti, per le competizioni automobilistiche..

La 24 HP fu prodotta fino al 1913. Dopo la pausa bellica, durante la quale fu sospesa la produzione di automobili per attuare quella militare, la "24 HP" venne costruita in qualche esemplare nel 1920, per poi essere definitivamente sostituita da nuovi modelli con i quali condivise il progetto, come la 12HP, la 15HP, la 40-60 HP, la 15-20 HP e la 20-30 HP.

Un esemplare di 24 HP è conservata presso il Museo storico Alfa Romeo di Arese, risalente al 1910 e carrozzato in versione Torpedo da Castagna Milano.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Come molte vetture dell'epoca, la 24 HP era realizzata come autotelaio, dotato di un motore monoblocco a quattro cilindri in linea, realizzato in ghisa. Questo propulsore disponeva di 4.084 cm³ di cilindrata, con valvole laterali comandate da albero a camme nel basamento, capace di erogare una potenza di 42 CV a 2.200 giri nella prima versione, saliti a 45 CV nella versione del 1912. Il nome 24 HP si riferiva invece alla potenza fiscale.

Il cambio a quattro marce veniva collegato alle ruote posteriori mediante giunto cardanico. Le ruote a raggi in legno montavano pneumatici da 820x120 mm. La carreggiata era, sia anteriore che posteriore, di 1.350 mm sulla 1ª versione e 1.450 mm sulla seconda del 1912.

Gli autotelai 24 HP vennero particolarmente apprezzati dalla clientela per l'avanzata tecnologia, per la robustezza strutturale e, ancor più, per la notevole potenza che consentiva di raggiungere i 100 km/h nella versione 45 CV: una velocità ragguardevole per l'epoca.

Gli autotelai, realizzati in oltre 200 esemplari, vennero frequentemente carrozzati negli allestimenti "Corsa" a due posti, "Limousine" a sette posti e, in gran parte, nella versione "Torpedo", anche usata per i mezzi destinati al Regio Esercito che vennero impiegati nella prima guerra mondiale.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.